Differenze tra la chirurgia bariatrica e il bendaggio gastrico ipnotico

Un rapporto del Registro Nazionale inglese di chirurgia bariatrica ha rivelato che sempre più persone si sottopongono a interventi chirurgici per la perdita di peso, e molte di loro hanno meno di 25 anni.

Inoltre, quasi il 40% dei pazienti inclusi nello studio sono stati classificati come super obesi. Ma come puoi immaginare, non c’è niente di eccezionale in questo…

Mettendo la condizione in prospettiva, qualcuno classificato come super obeso ha un BMI (indice di massa corporea) pari o superiore a 50.

Si dice che un BMI sano sia compreso tra 18,5 e 24,9. Ciò significa che c’è un numero crescente di persone il cui BMI è il doppio di quello che dovrebbe essere… e molti di loro sono giovani.

Allora, qual è il significato dell’aumento?

Ecco alcuni dei motivi:

  • Oggi c’è più cibo disponibile che mai
  • Gran parte di ciò che la gente mangia non ha alcun valore nutrizionale ma è costituito principalmente da grassi e zuccheri
  • I giovani tendono a condurre stili di vita più sedentari rispetto al passato, trascorrendo ore bloccati davanti a qualche tipo di dispositivo elettronico
  • La disponibilità di cibo unita all’aumento della tecnologia porta inevitabilmente a una mancanza di motivazione per intraprendere qualsiasi forma di esercizio fisico.

Qualunque sia la ragione, oltre alla soluzione più collaudata – che è quella di seguire una dieta equilibrata e sana e fare esercizio fisico regolarmente – esistono altre linee d’azione per aiutarti a dimagrire.

Diamo un’occhiata a due che spesso suscitano molta curiosità…

  1. Intervento chirurgico per la perdita di peso per ridurre le dimensioni dello stomaco e limitare la quantità di cibo che può essere consumato
  2. L’ipnosi, che può essere utilizzata per impiantare suggerimenti nella mente nel tentativo di controllare le abitudini alimentari dall’interno

I pro e i contro della chirurgia per la perdita di peso

Questa procedura viene solitamente presa in considerazione solo dopo che sono stati provati e falliti metodi più tradizionali, come dieta ed esercizio fisico.

Che vantaggi hanno allora la perdita di peso o la chirurgia bariatrica?

  • È facile: il paziente deve semplicemente presentarsi, farsi operare e i suoi problemi saranno risolti
  • È efficace: i dati mostrano che il 60% dei pazienti riesce a perdere il peso in eccesso dopo l’intervento chirurgico
  • È sicuro: ai pazienti viene somministrato un bendaggio gastrico o un bypass gastrico, limitando o reindirizzando l’assunzione di cibo. Non viene rimosso nulla dal paziente, quindi l’operazione è relativamente semplice. Naturalmente, c’è sempre qualche rischio coinvolto in ogni procedura chirurgica.

E gli aspetti negativi…

  • È scomodo: è un’operazione, quindi puoi aspettarti vari gradi di disagio dopo la procedura. Alcuni degli effetti collaterali spiacevoli che potresti riscontrare includono nausea e rigurgito del cibo
  • È un’operazione impegnativa in termini di risorse: ci vuole un esercito di personale medico per diagnosticare, ricoverare, operare e curare i pazienti prima, durante e dopo l’intervento chirurgico
  • È costoso: nella maggior parte dei paesi l’assistenza medica non è gratuita e, a meno che non si disponga di una copertura adeguata, un’operazione di questo tipo può costare una bomba. 

Il costo è un fattore significativo.

In un recente articolo pubblicato dalla BBC, il presidente del Registro nazionale di chirurgia bariatrica ha affermato che l’aumento dei livelli di obesità minacciava di “mandare in bancarotta il servizio sanitario nazionale”.

Questo ti dà un’idea della portata del problema.

Ma i costi non si fermano qui. I pazienti obesi sono altamente inclini al diabete. Solo nel Regno Unito, il trattamento del diabete costa più di 1,5 milioni di sterline ogni ora. Se non trattati, i pazienti possono andare incontro a danni ai nervi, cecità e persino amputazione.

Chi avrebbe mai immaginato che qualche ciambella in più ogni tanto potesse essere così catastrofica?

Ipnosi per la gestione del peso

Per alcune persone un’operazione è fuori questione. Potrebbero avere paura o potrebbero non essere in grado di permetterselo. Forse le liste d’attesa sono semplicemente troppo lunghe e non hanno i mezzi per optare per l’assistenza medica privata. Oppure semplicemente preferirebbero seguire un percorso più naturale.

È qui che l’ipnosi può essere un mezzo molto efficace per perdere peso se i metodi tradizionali hanno fallito. Il suo successo è stato dimostrato per decenni e sono disponibili molte tecniche ipnotiche per aiutare a risolvere le cause sottostanti.

Una soluzione in queste circostanze è il bendaggio gastrico ipnotico. Si tratta di una tecnica in cui viene suggestionata l’operazione del bendaggio gastrico, anche se questo effettivamente non avviene. Per quanto possa sembrare sorprendente per alcuni, l’effetto che ha sul soggetto è proprio quello di farlo sentire più velocemente pieno, proprio come il suo stomaco fosse diventato più piccolo.

Risultati del genere, in realtà, non sono particolarmente sorprendenti quando si parla di suggestione. Già nel 2002 Moseley pubblicò sul “The New England Journal of Medicine” uno studio nel quale veniva messa a paragone la procedura chriurgica di intervento al ginocchio, con una procedura solo suggestionata (i pazienti venivano portati in sala operatoria, addormentati, ma veniva veniva svolto alcun intervento, se non una incisione che aveva lo scopo di suggestionare i pazienti che l’operazione fosse stata fatta).

Ma allora quali sono i vantaggi di intraprendere un percorso di gestione del peso con l’ipnosi? Eccone alcuni…

  • Non c’è alcun rischio  verrai ipnotizzato, riceverai dei suggerimenti e ti sveglierai di nuovo
  • Non c’è nulla da temere: potresti sentirti in imbarazzo per la tua taglia, ma non dovresti avere paura. È solo un po’ di ipnosi innocua che potrebbe cambiare in meglio il tuo intero stile di vita
  • costi sono minimi in confronto: alcune sessioni di ipnosi, compresi i follow-up per verificare i tuoi progressi, non costeranno neanche lontanamente quanto costerà un intervento chirurgico.
  • Non ci sono effetti collaterali: uscirai dal tuo stato alterato di coscienza sentendoti riposato e rinnovato, proprio come faresti con qualsiasi sessione di ipnosi. 

E questo è solo l’inizio. Sebbene un intervento chirurgico di successo possa correggere il problema, in realtà è solo una soluzione rapida. Non esiste alcuna garanzia che funzionerà per sempre e la seconda volta sarà probabilmente ancora più costosa.

L’ipnosi, d’altra parte, è una soluzione a lungo termine. Aiuta i pazienti ad affrontare le preoccupazioni di fondo in modi che la chirurgia non può fare. Li porta ad affrontare frontalmente problemi emotivi e psicologici , come ad esempio l’origine del bisogno di mangiare troppo.

La chirurgia funziona, questo è certo, ma è l’approccio giusto? Un argomento contro la chirurgia è il fatto che essa non insegna assolutamente nulla ai pazienti.

Con l’ipnosi, le persone possono iniziare a comprendere il proprio corpo e ciò che gli sta facendo. Possono cominciare ad assumersi la responsabilità della propria vita. Possono acquisire gli strumenti di cui hanno bisogno per trasformare le proprie abitudini alimentari in modo più sano.

C’è un vecchio proverbio cinese che lo riassume perfettamente dai un pesce a un uomo e lo sfamerai per un giorno. Insegna a un uomo a pescare e lo sfamerai per tutta la vita.

L’intervento chirurgico è come dare un pesce a un uomo. Risolve temporaneamente il problema, assumendosi la responsabilità di come il paziente sia riuscito a sfuggire alle sue mani.

L’ipnosi è come insegnare a un uomo a pescare. Offre alle persone il ​​controllo sul proprio corpo e sulle proprie abitudini alimentari, modificando il modo in cui pensano al cibo e alla propria salute.

Una preoccupazione mondiale

Ecco quanto sta peggiorando la situazione. Nel Regno Unito, il servizio sanitario nazionale sta valutando la possibilità di offrire a un maggior numero di pazienti un intervento chirurgico di bendaggio gastrico – non solo per combattere l’obesità – ma anche per limitare il numero di casi di diabete!

E il problema sta diventando universale. Secondo il National Center for Health Statistics, i tassi di obesità negli Stati Uniti sono più che raddoppiati dagli anni ’70. Gli studi dimostrano che più di due terzi degli adulti americani sono in sovrappeso o obesi.

I dati relativi ai giovani sono ancora più allarmanti. Quasi il 25% dei bambini tra i 2 e i 5 anni e un terzo dei bambini in età scolare negli Stati Uniti sono sovrappeso o obesi. E in molti paesi il problema è peggiore tra le famiglie a basso reddito.

Conclusioni

In conclusione, l’escalation dell’obesità, soprattutto tra i giovani, sta diventando una preoccupazione sanitaria globale di proporzioni epidemiche. Le statistiche rivelate dall’orto del Registro Nazionale inglese di chirurgia bariatrica non fanno che evidenziare la gravità della situazione, con un numero crescente di individui, inclusi quelli sotto i 25 anni, che ricorrono alla chirurgia per la perdita di peso come ultima spiaggia per combattere l’obesità. Questo scenario riflette una realtà in cui le abitudini alimentari malsane, la prevalenza di cibi ad alto contenuto calorico e stili di vita sedentari non solo minacciano il benessere individuale, ma gravano anche sulle risorse sanitarie nazionali.

Tra le opzioni di trattamento, la chirurgia bariatrica emerge come una soluzione rapida ed efficace per molti, nonostante i suoi costi elevati e i potenziali rischi e disagi. D’altra parte, l’ipnosi offre un approccio alternativo e più accessibile, puntando a un cambiamento sostenibile nel comportamento alimentare e nella gestione del peso a lungo termine, senza i rischi associati agli interventi chirurgici.

La vera sfida, tuttavia, rimane nel modificare le basi della nostra società: l’accesso eccessivo a cibi non nutritivi e la diminuzione dell’attività fisica. Mentre la chirurgia e l’ipnosi possono fornire soluzioni individuali, è fondamentale anche un cambiamento culturale che promuova una vita più attiva e scelte alimentari più sane. Ciò richiede un impegno collettivo da parte di governi, comunità e individui per creare un ambiente che faciliti scelte più salutari e sostenibili.

In ultima analisi, l’epidemia di obesità non è solo una questione di scelte individuali, ma un riflesso di fattori socio-economici e ambientali più ampi. La risposta, quindi, deve essere olistica e multisfacettata, mirando non solo a trattare l’obesità una volta che si è manifestata, ma anche a prevenirla attraverso l’educazione, la promozione della salute e la riforma delle politiche pubbliche. Come suggerisce il proverbio cinese, non si tratta solo di “dare un pesce” ai nostri cittadini, ma di “insegnare loro a pescare”, fornendo loro le conoscenze, gli strumenti e l’ambiente per vivere vite più lunghe, più sane e più felici.

Lascia un commento

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy